Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni
News ed Eventi Parmaalimenta, lotta alla povertà e responsabilità sociale delle aziende nei mercati emergenti
Azioni sul documento

Parmaalimenta, lotta alla povertà e responsabilità sociale delle aziende nei mercati emergenti

Nell’ambito di Cibus, martedì 8 maggio alle ore 16,30 presso la saletta Press Corner dell’Ente Fiere, l’associazione Parmaalimenta presenterà i suoi progetti che coniugano responsabilità sociale e occasioni di apertura a nuovi mercati.

La crisi economica internazionale ci obbliga a guardare avanti e a ricercare opportunità ed energie nuove. In questo quadro, la responsabilità sociale si pone al centro delle scelte economiche facendo crescere il bisogno di solidarietà interna ed esterna ai nostri territori come uno dei mezzi e strumenti di superamento della crisi.

In occasione di Cibus, l’associazione Parmaalimenta, nata nel 2004 dalla volontà di alcuni attori del territorio di Parma, presenterà i suoi progetti nell’ambito dello sviluppo economico locale, dell’agricoltura e della salute e nutrizione.

L’associazione, che rappresenta lo strumento di cooperazione internazionale che diversi attori pubblici e privati del territorio di Parma si sono dati per animare la presenza di Parma nel mondo, ha realizzato un centro agroalimentare a Bujumbura in Burundi: “Maison Parma”. Il centro fornisce ai piccoli imprenditori agricoli della zona sevizi di consulenza, formazione, warranties e piccoli finanziamenti rurali, oltre allo stoccaggio, trasformazione, conservazione e vendita dei prodotti. Ad oggi sono state attivate le filiere di riso, manioca e ortofrutta. Si sta cercando, in via sperimentale, di trasformare il pomodoro per il mercato locale e si stanno introducendo piccoli macchinari per la trasformazione ed il confezionamento dei prodotti. Inoltre per l’anno 2012-2013 è stato attivato, in collaborazione con l’Unicef e l’Ospedale di Parma, un progetto nutrizionale comunitario, che prevede la cura di almeno 928 persone malnutrite e la formazione per imparare a nutrirsi in modo corretto attraverso l’utilizzo di alimenti locali

Il progetto Maison Parma è un interessante laboratorio di sperimentazione sul piano internazionale di costruzione di progetti economici di cooperazione internazionale. Un progetto che tiene presente sia i risultati da raggiungere nell’ambito della lotta alla povertà e alla fame, che il bisogno per le nostre imprese e realtà economiche di aprirsi a mercati nuovi o semplicemente di farsi conoscere a livello internazionale con i loro prodotti.

Lo sviluppo del nostro territorio è strettamente legato non solo al mercato interno, ma anche a quello internazionale e i grandi temi della lotta alla povertà e fame sono centrali nelle agende internazionali e italiane, soprattutto in vista dell’Expo del 2015.

In quest’ottica Prmaalimenta si configura come un brand di responsabilità sociale, un marchio di qualità che le imprese possono spendere come biglietto da visita.

Maison Parma è un progetto economico non profit del territorio di Parma ed ha il sostegno e collabora con i Ministeri dell’Agricoltura e dell’Allevamento, della Sanità e degli Esteri del Burundi, Presidenza del Consiglio Italiano nella ripartizione dell’8 per mille, Ministero degli Esteri Italiano (Mae), Food Agricoltural Organization (Fao), UNIDO (Ufficio per la Promozione Tecnologica e degli Investimenti), Unicef, Regione Paesi della Loira (Francia), Regione Emilia Romagna e Fondazione Cariparma, associazioni e partner a livello locale.

“Maison Parma” è un riferimento per le regioni rurali del Burundi e per altre regioni limitrofe dei paesi confinanti come la Repubblica Democratica del Congo. Il Burundi oggi è un territorio strategico proiettato in una dimensione centrale per i mercati dell’Africa dell’est e meridionale. La cooperazione di Parmaalimenta rappresenta una concreta opportunità di responsabilità per tutte le aziende che si occupano di agroalimentare, salute e nutrizione per partecipare attivamente alla lotta alla fame e allo sradicamento della povertà estrema.

 

La conferenza stampa di presentazione di Parmaalimenta si terrà martedì 8 maggio alle ore 16,30 presso la Saletta Press Corner dell’Ente Fiere di Parma. Interverranno Franco Boni, Presidente Ente Fiere di Parma, Silvia Marchelli, presidente di Parmaalimenta, Pier Luigi Ferrari, Vice Presidente Provincia di Parma, Antonietta Malandri, responsabile del settore cooperazione internazionale del Comune di Parma, Luigi Amore, direttore Generale Fondazione Cariparma, Domenico Capitelli, direttore CNA Parma, Loretta Losi, direttore di Legacoop Parma, Alberto Ambrogio, tecnico di Co.pad.or.

Saranno presenti rappresentanti dei soci di Parmaalimenta: Provincia di Parma, Comune di Parma, Comune di Collecchio, Comune di san Secondo P.se, CNA Parma, Legacoop Parma, Consorzio di Solidarietà Sociale di Parma, Azienda ospedaliero universitaria di Parma, Circoscrizione provinciale dei soci di Banca Etica, Co.pad.or, Associazione Mwassi.