Actions sur le document

Tensioni in Burundi

Il mese di aprile ha visto incrementare l'instabilità del Paese

Nonostante l’accordo di pace firmato nel 2006 tra ribelli e governo, da qualche tempo le Fnl (Forze nazionali di liberazione) hanno abbandonato i negoziati in polemica con la squadra internazionale di monitoraggio della tregua e hanno iniziato a condurre attacchi armati intorno alla capitale a cui fanno seguito le risposte dell’esercito governativo. Ancora una volta a farne le spese è la popolazione civile che vede peggiorare le già precarie condizioni di sicurezza e di vita.

Questa situazione di instabilità si aggiunge alla gravissima situazione caratterizzata dal rapido incremento dei prezzi degli alimenti e del carburante, già denunciato dal Segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon così come dal Direttore generale della FAO e dal Presidente del FIDA (fondo internazionale per lo sviluppo agricolo), che sta seriamente compromettendo le difficili condizioni di vita della popolazione burundese che fatica sempre di più ad accedere al cibo in assenza di serie politiche internazionali e nazionali di sostegno alle produzioni agricole locali, di difesa ambientale, di lotta alla desertificazione e di ricerca di una alternativa energetica.